Parma e l’innovazione in cucina

La questione del rapporto tra tradizione e innovazione, in cucina.

La seconda parte del nostro viaggio, da Roma verso Brescia passa storicamente da Parma che, nel 2020 sarebbe dovuta essere Città Italiana della Cultura, ma causa emergenza sanitaria per il Covid-19, ha dovuto rinunciare alle varie attività culturali programmate.
Noi non abbiamo rinunciato a visitare la città, con una cittadina brillante che rappresenta lo spirito emiliano e che ha fatto della cultura gastronomica il suo mesterie.

Maria Amalia Anedda oggi insegna ad ALMA, la scuola internazionale di cucina italiana, tra le scuole più importanti in Italia, e l’incontro con lei è stato piacevole ed informale, il cui tema è stato il rapporto tra la tradizione gastronomica parmense e l’innovazione in cucina, lei che ha fatto della sua cucina un gentile movimento verso l’innovazione.

La ‘Ali di gabbiano’, nostra vettura per questo passaggio a Parma.
Un piatto che ci ha preparato Maria Amalia, per noi
Maria Amalia Anedda

Questo episodio fa parte di un progetto scritto e prodotto per 1000 Miglia, con l’obiettivo di raccontare alcune eccellenze del nostro territorio, lungo il percorso storico della gara, Brescia – Roma – Brescia.

Qui un nostro contenuto sul nostro account Instagram @whatitalyis

progetti recenti

ACF: none

Array ( [post_type] => Array ( [0] => progetti ) [post_status] => publish [posts_per_page] => 6 [post__not_in] => Array ( [0] => ) [tax_query] => Array ( [relation] => AND ) [paged] => 1 [orderby] => date [order] => DESC [meta_query] => Array ( [relation] => AND ) )

apri sezione

tutte le storie

ACF: none

Array ( [post_type] => Array ( [0] => post ) [post_status] => publish [posts_per_page] => 9 [post__not_in] => Array ( [0] => [1] => 15400 ) [tax_query] => Array ( [relation] => AND ) [paged] => 1 [orderby] => date [order] => DESC [meta_query] => Array ( [relation] => AND ) )